Parliamo la stessa lingua

mercoledì 30 aprile 2014

TATTICA: "LE FASE DI TRANSIZIONE NEL CALCIO, NELLA VIDEO MATCH ANALISYS, ASPETTO FONDAMENTALE RILEVANTE"

LIn un preparatore fisico la capacità di saper leggere anche la chiave tattica credo sia molto importante, specie se all'interno dello staff stesso ha compiti importanti come per esempio la gestione e suddivisione della video match analisys. È stato sempre mio grosso obiettivo poter imparare la tattica del terreno di gioco, non per accedere al mondo di allenatore  ma per poterne leggere le situazioni. Ecco perché vi parlo in quesito post, di un argomentazione importante come la fase di transizione nel calcio, che nella gestione ed analisi della match analisys è sempre di spessore importante nella sua forma,

Il calcio moderno è un calcio sicuramente più dinamico e più veloce rispetto a quello di un tempo. La maggior parte di realizzazioni in questo tipo di calcio nasce da ribaltamenti di gioco causati da una riconquista del possesso palla. Tali cambiamenti repentini di gioco sono finalizzati a cogliere di sorpresa l’avversario e quindi realizzati allo scopo di contrattaccare la squadra avversaria disposta maldestramente infasedifensiva,inquantoorientataalgiocod'attacco.  Per questo motivo, uno degli aspetti che un allenatore deve allenare con maggior costanza in fase difensiva è la transizione negativa in tutte le situazioni di gioco collegate. La capacità mentale di reagire velocemente alla perdita del possesso e di recuperare una corretta posizione in fase difensiva, rappresentano, quindi, una qualità fondamentale per ridurre i rischi derivanti dalle ripartenze avversarie. Come spesso si è affermato, fase difensiva e fase offensiva sono sopra la linea della mentalmente ad un deve pensare a non caso di perdita del possesso. La transizione è, dunque , una fase importante del nostro calcio che rappresenta il momento in cui si perde o si riconquista una palla. Pertanto oltre alla fase offensiva e difensiva, quindi di possesso o non possesso palla, esiste una terza fase, cosiddetta di transizione, che identifica il momento della riconquista o della perdita della palla. La transizione dunque è, nel calcio odierno, una fase fondamentale per fare o per non subire goal. In un’ottica di questo tipo diventa quindi “strategico” allenare in maniera diversa dal solito i calciatori, affinché non abbiano pause nel passare da una fase di gioco all'altra.

TRANSIZIONE NEGATIVA

 sotto l’aspetto difensivo in quanto la perdita del possesso palla può determinare, come abbiamo visto, una situazione ad alto rischio 

Quindi si deve analizzare:  il “perché” della perdita del possesso palla, cercando di individuare il tipo di errore (tecnico o tattico) e di responsabilità (del singolo o della squadra o del reparto). La zona o il punto in cui si può perdere la palla, se è stato prevista, nell’assetto tattico, la copertura del portatore di palla Il tipo di reazione alla perdita del possesso palla.  Nella metodologia dell'allenamento, oggi, ci si rende conto che si cerca di esaltare l'aspetto collettivo e organizzativo o, viceversa, quello individuale ed estemporaneo per raggiungere gli obiettivi tecnici, tattici e psicologici che ci si è posti.

  TRANSIZIONE POSITIVA

In questa fase è fondamentale analizzare: 

- in quale punto del campo e in quale situazione si recupera la palla                                              quali e quanti giocatori partecipano alla riconquista;                                                                   quanti e quali giocatori devono o possono partecipare al contrattacco                                           quali sono le zone libere da attaccare con gioco corto o lungo                                                     come organizzarsi nella nuova situazione di fase offensiva;                                                              il modo più rapido per concludere a rete ela copertura preventiva a una perdita del possesso palla?

Dal punto di vista psicologico sembra molto più facile adattarsi alla fase cambiamento positivo di fase perché i giocatori sono naturalmente portati al contrattacco, anche se ciò dipende spesso dalla mentalità degli stessi e soprattutto dal tecnico. 


 

Nessun commento:

Posta un commento