Parliamo la stessa lingua

mercoledì 23 aprile 2014

SPY MATCH: " FINISCE A RETI INVIOLATE IL LA SUPER SFIDA TRA COMANCHEROS E BLUES"


        
Diego Simeone contro Josè Mourinho, il nuovo che avanza contro il vecchio. In realtà il portoghese ha 51 anni, non certo molti per un allenatore, ma l’esperienza e le vittorie accumulate in Champions League fanno di lui un sorta di santone di questa competizione. Contro il Paris Saint Germain lo Special One ha conseguito la nona qualificazione su nove dai quarti di finale dei tornei europei. Dall’altra parte si troverà di fronte un osso duro come Diego Simeone. Il tecnico argentino sta guidando i Colchoneros ad uno storico trionfo nella Liga, il suo Atletico comanda la classifica davanti a due squadroni più quotati ad inizio campionato come Barcellona e Real Madrid. Nell’ultimo turno di campionato i biancorossi hanno superato l’Elche in casa, mentre il Chelsea si è fatto sorprendere dal Sunderland perdendo 2-1 e compromettendo forse irrimediabilmente la corsa per il titolo della Premier League. Man nel palcoscenico di questa sfida tutto cambia e quindi ho analizzato per voi quello che dovrebbe essere una gradne sfida. Per una questione di tempi e spazi, non mostro l intero match, ma solo stipato in determinate analisi. È stata una partita giocata in sordina da parte dei blues che nel primo tempo hanno assorbito le continue incursioni offensive dei conchoneros. Nelle prime tre immagini vi riporto le formazioni, le azioni offensive delle due squadre del primo tempo e i disimpegni, le zone di transizione e le palle recuperate . Atletico Madrid - Chelsea è uno scontro fra titani e la mia idea di analizzare questa sfida nasce appunto dal grande dominio che stanno facendo le rispettive squadre nel loro campionato. I "conchoneros" primi nella Liga Spagnola mentre il Chelsea insegue il gruppo di testa, ma comunque guidati da un certo Mourinho. Le due squadre eseguono uno scaglionamento in campo tipico del loro modulo di gioco. Gli spagnoli con un 4-4-2 e il Chelsea di Mou col tipico 4-3-3.



Nelle prime immagini che ho proiettato, nel periodo di gioco 0-20 minuti le azioni di attacco delle due squadre, con l'Atletico sostanzialmente più pericoloso e propositivo. Su 24 azioni offensive, 5 si sono svolte nelle zone presidiate da Gabi e Suarez e solo 6/24 non si sono concretizzate (due fermante da Cahill) e sono partite dalla zona centro destra della difesa spagnola. Nel quadrante analizzato dei Blues solo 5/15 azioni offensive completate che hanno trovato solo un tiro in porta con Torres, ma come potete notare le maggiori azioni offensive di questo periodo si sono infrante nel muro centrale dell'atletico.
Nelle secondi immagini aumento del regime territoriale dell'Atletico dove le azioni offensive si portano addirittura a 53 contro le solo 3 azioni del Chelsea, che ha visto solo una volta con azpilcueta riuscire ad andare al tiro. Il possesso palla di fine primo tempo addirittura porta un risultato schiacciante
ATLETICO MADRID 63%
CHELSEA 39%


Nessun commento:

Posta un commento