Parliamo la stessa lingua

martedì 30 ottobre 2012

PIANIFICAZIONE: "PROGRAMMARE UN GIUSTO MICROCICLO, PER I GIUSTI ADATTAMENTI FISICI"

Iniziano i primi freddi, i primi campi pesanti, le prime stanchezza dovute all'elevato minutaglia di gioco. Parte quindi l'Importanza di una buona programmazione di microciclo, da attuare nelle nostre settimane lavorative sul campo e in palestra. " il mio aiuto parte dalla super match analisys, estrapolata grazie agli studi effettuati durante la partita. Sprint, kilometraggi, minuti giocati, cambi di direzione effettuati, contrasti vinti e persi. Tutti questi dati, grazie anche all'ausilio della scala di BORG, riesco a quantificare quello che può essere, l"entità del prossimo microciclo".
Nella pianificazione di un microciclo appare molto importante la  sua economia organizzativa che si rispecchia nell'allenamento singolo determinando nel modo più preciso possibile la proporzione di tempo di lavoro e tempo di recupero, che successivamente, andrà a completare i nostri giorni di lavoro precedenti alla partita. " Diamo sopratutto uno sguardo alla parte fisiologica. Quantifichiamo bene il tempo per il ripristino delle scorte energetiche? Quanto diamo importanza all'allenamento di rifinitura? Riusciamo a dare la giusta risposta della sintesi proteica in relazione alle esercitazioni svolge durante la settimana" ? 
Il tutto deve sempre tener presente la lunghezza della durata degli allenamenti, con carichi e densità dello stesso a seguito. Le varianti che intervengono nella modifica della sommatoria dei carichi dei carichi di lavoro durante gli allenamenti sono le seguenti:
- somma degli effetti delle sessioni quotidiane di allenamento  che intervengono sulla stessa funzione
- inserimento di sessioni di mantenimento tra le varie sessioni allenanti
- inserimento di sessioni di recupero tra le varie sessioni allenanti

Nessun commento:

Posta un commento