Parliamo la stessa lingua

lunedì 17 settembre 2012

Sul campo: "LAVORO DI FORZA ISOMETRICO E NON ISOTONICO, NON SVILUOPPA IPERTROFIA MA CREA BRILLANTEZZA MUSCOLARE"

Apro la settimana di lavoro calcistica, mettendo a tavolino una discussione che percorre a meta' strada tra biomeccanica muscolare e seduta di forza sul campo, senza l'ausilio delle macchine isotoniche. Parto dal presupposto che non tutti i colleghi, usufruiscono per mancanza di materiale, di una buona palestra che possa permettere di lavorare in maniera precisa e obiettiva, sui parametri della forza. Sappiamo tutti, quanto la forza sia importante nel calcio odierno. Veloce, fisico, di performance e di endurance, insomma il nostro calcio, ogni settimana ci mette alle corde chiedendo di migliorare sempre di più i muscoli dei nostri atleti. " personalmente avendo la possibilità di lavorare in un'ottima palestra mi avvalgo della possibilità di avere vasta gamma sulla scelta. Oltretutto sono molti i quesiti che mi vengono posti su come indirizzare il miglioramento della forza negli arti inferiori, senza l'utilizzo delle macchine isotoniche. Ecco una modalità di lavoro che ho utilizzato spesso in dei microcicli di allenamento nella passata stagione, formulata insieme al mio allenatore in seconda Fabio Scarola, con una suddivisione in due gruppi che svolgevano esercitazioni di forza isometrica, sul rispetto delle leggi biomeccaniche e successiva trasformazione su multibalzi e sprint massimali. A fine seduta (raccolta dati di 4 microcicli), raccolta del borg a livello muscolare, successivo ricavo su test di forza (sargent test) hanno posto l'attenzione sul fatto che predisponiamo  bene i nostri muscoli ad una brillantezza maggiore ed una esplosività migliore. Ovviamente inseriamo queste esercitazioni, quando veniamo da una stanchezza muscolare appena o non del tutto smaltita, evitando di sovraccaricare ulteriormente le sezioni trasverse delle nostre fibre, ma concedendo pur sempre un lavoro interessante e duraturo".
Procurandoci una parete con un spazio frontale di almeno 20 metri, disponiamo in linea i nostri giocatori che eseguiranno lavoro  isometrico su  squat a 110 max 90 gradi, con durata crescente. Successivi due balzi e sprint, termineranno l'esercitazione. 

1 SERIE
Bipodalico 110* squat ball  contrazione isometrica per 35" e trasformazione
Bipodalico   90* squat ball contrazione isometrica per 25" e trasformazione 
Pausa di 1"30" con esercizi di mobilita appropriati

2 SERIE
Dx monopodalico 120* no ball contrazione isometrica 22" e trasformazione su monopodalico 
Sx. Monopodalico 120* no ball contrazione isometrica 22" e trasformazione su monopodalico
Pausa di 50"

Ovviamente il lavoro puo' considerarsi sufficiente già da qui, oppure modulare i carichi e la densità, in base alle richieste che abbiamo ricevuto. "Ci tengo molto a precisare che ovviamente e' genuino concludere la seduta anche con lavoro per i gemelli, possibile esecuzione nella stessa modalità e con trasformazione in appoggi bi-monopodalici e successivo sprint . 

Nessun commento:

Posta un commento