Parliamo la stessa lingua

martedì 4 settembre 2012

PLIOMETRIA: "UTILIZZIAMO LA FORZA ECCENTRICA IN REGIME PLIOMETRICO, CONCEDE PREVENZIONE"

La forza eccentrica, ossia quella capacità di un muscolo di allungarsi mente è sotto tensione, è un fattore importante per tutti gli atleti, e assume oltretutto un valore cruciale per quelli infortunati. "Riguardando accuratamente tutti i protocolli utilizzanti in riatletizzazione, gli arti sani hanno spesso difficoltà a sostenere gli impatti subiti dal corpo durante l'allenamento e le gare, risulta quindi essenziale che gli atleti infortunati che vogliono tornare ad allenarsi abbiano a disposizione gli strumenti adatti che gli assicurano un pronto ritorno, molte di questi strumenti possiamo ritrovarli nei protocolli della forza pliometrica, con assemblamento e mescolamento dei vari gesti atletici e motori. Dobbiamo solo trovare la giusta linea guida". La forza eccentrica è il fattore precursore del successo nella pratica della pliometria. Prima che un atleta infortunato sia in grado di rimettersi a seguire un programma di esercizi pliometrici, deve essere sicuramente un breve periodo di pausa, nell'allenamento, utilizzato per sviluppare la stabilità e la forza eccentrica degli arti inferiori. "Dal punto di vista metodologico, vado un'attività a catena cinetica aperta, che richiedono l'uso da parte dell'atleta degli arti inferiori in schemi motori funzionali che coinvolgono i piedi, le caviglie, le ginocchia e le anche, sono state inserite tra i più efficaci, e comunque anche l'allenamento pliometrico rientra nella categoria delle attività a catena cinetica aperta"

Nessun commento:

Posta un commento