Parliamo la stessa lingua

domenica 8 gennaio 2012

RIATLETIZZAZIONE: "NEL RECUPERO FUNZIONALE RITENGO FONDAMENTALE IL PREATLETISMO SPECIFICO"

In questo post sento di spendere due parole per curare il reparto "RIATLETIZZAZIONE". 
Personalmente credo sia molto importante in qualsiasi forma di recupero funzionale, iniziare col dare spazio alla riprogrammazione del passo. Un'atleta deve passare per questa strada, specie se avete la possibilità attraverso dei test, di valutare il suo stato coordinativo, sopratutto dal punto di vista degli appoggi. Una lunga degenza con le stampelle, un periodo di mobilizzazione (gesso o compressione), porta sicuramente al bisogno di un'atleta (specialmente calcio), di ritrovare il giusto passo, l'esatto appoggio per evitare sovraccarichi funzionali, o altre problematiche. Quindi come sempre si legge nei miei post, spazio alla prevenzione. Curando i pre-atletici.
Per preatletismo specifico intendo un insieme di esercitazioni che possono essere collocate fra quelle dle preatletismo generale ed esercitazioni tecniche vere e proprie caratterizzate nella disciplina sportiva che si frequenta. 
"CREO PER PRESUNZIONE, IL FATTO SCONTATO CHE PRESSO L'ALLENAMENTO DEL SETTORE GIOVANILE, SI PRATICHINO ESERCITAZIONI A CARATTERE GENERALE, SORVOLO SU DETERMINATE NOZIONI. QUELLO CHE INVECE VOGLIO FARE E' QUELLO DI SOLLECITARE GLI ALLENATORI A PROPORRE CON MAGGIOR CONTINUITA' ED ESATTEZZA (INCREMENTO DELLA QUALITA' DELLO STIMOLO) LE ESERCITAZIONI DI PREATLETISMO SPECIFICO, IDONEE ANCHE PER RUOLO CHE NE MIGLIORANO A LORO VOLTA, LA CORSA, E QUINDI.. MENO POSSIBILITA' DI INFORTUNI, MAGGIOR ECONOMIZZAZIONE SPAZIO-TEMPORALE. OVVIAMENTE NON CREDO CHE ESISTI UNA FORMA SPECIFICA, UN ESERCITAZIONE ESATTA, E SCIENTIFICAMENTE PROVATA PER DARE TALI MIGLIORAMENTI, MA SE ANALIZZATE OGNI SINGOLO GESTO TECNICO DI UN CALCIATORE, UN FOTO-FRAME DI UN'AZIONE INDIVIDUALE, ALLORA IL MIO INPUT RITORNA."
In base a quanto letto su testi scientifici e proposti da altri colleghi, successivamente verranno trattati sull'etichetta (Coordinazione) le esercitazioni pratiche , suddivise in sequenze con gli obiettivi particolare che possono evolvere tali situazioni.

Nessun commento:

Posta un commento