Parliamo la stessa lingua

lunedì 23 gennaio 2012

FISIOLOGIA 3A: "LO STRETCHING NEL CALCIO, IL RUOLO DI DUE IMPORTANTI ORGANI AL SERVIZIO DEI MUSCOLI"

Il terzo post riguardante la funzione e l'utilizzo dello streching nel calcio, riporta la sua attenzione per quanto riguarda gli organi che hanno particolare e importante funzione nell'ambito dell'elongazione muscolare durante lo stretching. Come elencato nel primo post dell'argomentazione (FISIOLOGIA 1A) e in base all'utilizzo che ne faccio durante sedute di allenamento o prepartita, vi elenco quelle che sono i due principali organi che partecipano a tale meccanismo.
- gli OTG (organi tendini del golgi)
- gli FN (fusi neuromuscolari)
"CITATI SOPRA, VOGLIO ELENCARE BREVEMENTE QUANTO LA FISIOLOGIA UMANA CI INSEGNA, OVVERO LA MUSCOLATURA SCHELETRICA CHE POSSIEDE DUE DIVERSI TIPI DI RECETTORI NERVOSI, PRONTI AD INTERVENIRE E VEICOLIZZARE L'ELONGAZIONE MUSCOLARE".

Gli OTG sono organi di senso presenti nello spessore tendineo o a livello della giunzione muscolo-tendinea. Essi risultano disposti in serie rispetto alle fibre muscolari e la loro funzione fisiologica è quella di rispondere alle variazionidi tensione del tendine causate dalla contrazione muscolare oppure da stiramenti di tipo passivo, come ad esempio lo stretching.

"BISOGNA TENER PRESENTE, COME SPESSO MI E' CAPITATO ANCHE DI NOTARLO IN VARIE SITUAZIONI FISICHE, CHE PER ATTIVARE GLI OTG, E' NECESSARIO  CHE LO STRETCHING SIA PARTICOLARMENTE INTENSO. GLI OTG INTERVENGONO AL FINE DI RIDURRE L'ECCESSIVA TENSIONE MUSCOLARE, ATTRAVERSO UN MECCANISMO "L'INIBIZIONE AUTOGENICA", CHE CONSISTE SIA ATTRAVERSO UN'AZIONE INIBITORIA NEI CONFRONTI DELLA MUSCOLATURA AGONISTICA E DI QUELLA SINERGICA."
Per quanto riguarda i fusineuromuscolari (FN) sono quegli organi di senso, presenti nei muscoli volontari e che sono costituiti da un fascio di sottili fibre striate specializzate definite intrafusali, le cui estremità sono inserite nella guaina delle comuni fibre muscolari circostanti.
"IL FUSO NEUROMUSCOLARE E' UN RECETTORE DI TENSIONE SENSIBILE ALLO STIRAMENTO DEL MUSCOLO, POICHE' DETIENE NELLA SUE ESTREMITA' PRIMARIA DUE RISPOSTE, UNA FASICA E L'ALTRA TONICA, CON CAPACITA' DI  RISPONDERE SIA ALL'ELONGAZIONE MUSCOLARE DI TIPO DINAMICO (FASICO) CHE DI TIPO TONICO. L'ESTREMITA' SECONDARIA HA LA POSSIBILITA' DI RISPONDERE SOLTANTO A STIRAMENTI DI TIPO TONICO."

Nessun commento:

Posta un commento