Parliamo la stessa lingua

martedì 27 dicembre 2011

SUL CAMPO: "LA POTENZA AEROBICA, CI LAVORO CON LE RIPETUTE AEROBICHE"

In questi giorni con molto piacere ho avuto il contatto di alcuni colleghi, che mi hanno interpellato in riguardo all'utilizzo delle sedute di allenamento in qeusto "particolare" microciclo di fine anno. Sinceramente mi sento di sottolineare il fatto che, ognuno di noi conosce bene il gruppo su cui lavora, come lo ha lasciato prima della sosta natalizia, e quali siano le intenzioni e i carichi su cui riprenderli. 
Personalmente da tre anni adotto lo stesso metodo, puntando sull'integrazione della forza con il metodo piramidale e visto l'assenza di gare ufficiali fino al prossimo 7 Gennaio, caricare maggiormente sul quadrante inferiore.
In questi 4 giorni di lavoro sul campo, dal punto di vista atletico, ho iniziato il mio carico con le ripetute aerobiche brevi, in modalità crescente, e con recuperi completi. Il mio obiettivo: "INCREMENTARE LA VO2MAX, GARANTENDO UN "CARBURANTE" MAGGIORE DI QUELLO LASCIATO PRIMA DELLA PAUSA INVERNALE" .
Il risultato ovviamente lo rilevero' alla fine del microciclo. Intato riporto di seguito quanto svolto in questa frazione dedicata alle Ripetute Brevi Aerobiche:
- Prima sessione 1x 300 - 450 - 600 con obiettivo di migliorare i tempi a giro di ciascun atleta.
- Seconda Sessione 2x 300 - 450 - 600 con lo stesso obiettivo ma con visione particolare alla cinetica del lattato.
- Terza Sessione 3x 300 - 450 - 600 con obiettivo di mantenimento della soglia.
Questo lavoro adottato con metodo piramidale, ancora non trova pieno risultato positivo in quanto ancora non terminato. Oltretutto puo' essere trasformato con partitine pressione "ad esempio 4<4 con sponde". 
Strumentale di utilizzo: "BISOGNA AVERE A DISPOSIZIONE UN TERRENO DI GIOCO O UNA PISTA ATLETICA CON LE RISPETTIVE DISTANZE. UN CRONOMETRO PER PARTENZA ED ARRIVO, (IO ADOTTO METODOLOGIA DI APP PER I PHONE E I PAD (Chronosat), IN PIU' FOGLIO ELETTRONICO EXCELL CON I RISPETTIVI DATI RACCOLTI AD AGOSTO" il resto lo fa la matematica. Basta solo pianificare e dare un seguito ai dati raccolti. Buon Lavoro

Nessun commento:

Posta un commento