Parliamo la stessa lingua

venerdì 25 novembre 2011

PREVENZIONE: " SE CONOSCIAMO IL NOSTRO GRUPPO,INDIVIDUALIZZIAMO I PUNTI CARDINI"

Spesso nel calcio, le lesioni muscolo-tendinee derivano dall'interazione di fattori estrinseci ed intrinseci, che innanzitutto riguardano quello proprio della disciplina:
- livello agonistico e competitivo
- i tempi di gioco
- carico di allenamento e terreno di gioco
- caratteristiche fisiche ed equipaggiamento...
La lista, potrebbe allungarsi se andiamo a scindere ognuno di questi particolari importanti e che racchiudono il segreto del calcio allenato. Oggi il calcio del 2000 (escluso i primi 5 anni del nuovo millennio) ci insegna che il fisico conta, che il fisico allenato fa contare di più, e il giocatore conta di più se sa legare tutti questi parametri.
Sostanzialmente mi sento di paragonare alcuni risultati che ho "collezionato" nel passare dei miei anni di preparatore fisico, e dico " QUALCOSA A LIVELLO GENETICO STA CAMBIANDO NELLA FASCIA EVOLUTIVA" . Una volta (classe 89) i primi Allievi Nazionali che ho allenato, correvano di meno rispetto ad oggi? no, eppure non esprimevano parametri di lattecedemia come gli Allievi di oggi (classe 95). Anche la forza è cambiata, magari cambiavano i test? no, se adoperiamo (è il mio caso) per mancanza di materiale sempre lo stesso, eppure non erano così esplosivi. Ma tante cose sono cambiate, però mi sento di condivedere quelle che sono poi, le conoscenze basilari e la sfacettature di molti colleghi che hanno ricercato in questo campo. Personalmente sono 6 , i parametri importanti che innescano il meccanismo di un insulto muscolo tendineo:
- Genetica (capacità di resistenza dei legamenti alle tensioni)
-Alimentazione (troppa superficialità a non rispettare la famosa piramide alimentare)
- Precedenti lesioni (riatletizzazione non sufficiente, tessuti muscolare non correttamente guariti)
- Abilità motorie specifiche (una mancata e perfetta crescita  sugli schemi motori di base) come appoggio bene gli arti inferiori in caduta.. se non ho mai capito come si cade e perchè vado atterra?
- Variabilità Antropometriche (mio fermo cavallo di battaglia, diverse conformazioni strutturali, atteggiamenti osteo-articolari errati e non corretti, portano fermamente all'infortunio)
- Fatica (comanda sua maestà cervello, se siamo stanchi mentalmente tutte le capacità condizionali e coordinative non rispondono, non hanno feedback, non sono sani)
Ecco queste piccole elencazioni, hanno svariati e svariati mondi sui cui andare a colpire. Spero che qualcuno voglia confrontarsi e capire come veramente stiano le cose.

Nessun commento:

Posta un commento