Parliamo la stessa lingua

venerdì 25 novembre 2011

PIANIFICAZIONE ALLENAMENTI: " IL NOSTRO MESTIERE, SAPER PROGRAMMARE CON ANTICIPO"

Nel concetto di metodologia e applicazione dell'allenamento, c'è una regola principale, che detta lo stato professionale di ciascun preparatore fisico. Un bravo collega deve saper distinguere un mese di allenamento, da una pianificazione ben programmata. 
Da sempre ho tenuto in mente una defizione, che mi è stata passata da Ivan Carminati (Manchester City)  allora però ancora non alla corte di mister Mancini. Saper programmare : "ovvero saper stabilire in anticipo i mezzi e i metodi di lavoro, e il loro andamento temporale, allo scopo di realizzare un progetto di allenamento".
Ovviamente questo allenamento viene sicuramente ben distinto in breve, medio e lungo termine, anche se nel mio caso, lavorando nel settore giovanile, l'unico di questi bilanci di programmazione, rispettavo solo il primo. Costruire una seduta di allenamento o un microciclo nel calcio è già sufficiente, perchè partite e coinvolgimento dello stato fisico atletico dei calciatori, oppure la situazione dell'impianto a disposizione, possono semrpe cambiare le carte in tavole.
Un buon "programmatore" è colui che riesce a minimizzare gli effetti del caso, che valuta sempre, ovviamente con scrupolo, esattezza e certezza, altrimenti tutto è vano, tutto non è attendibile.
Le tappe che nel mio cammino, mi hanno dato una luce con retrospettiva attendibile, hanno sempre rispettato quelle che sono le tre caratteristiche importanti:
- elaborazione teorica di seduta di allenamento e microciclo
- la correttezza della sua messa in campo (programma stilato)
- controllo ed adeguato aggiustamento in corso d'opera, ad esempio modificazione della stessa seduta e di quelle successive, in base a risposte fisiologiche dell'atleta... ma che comunque diano una attendibilità certa!
I modi per strutturare una programmazione ed una pianificazione sulla preparazione fisica, scinde molto dal gruppo che uno ha a disposizione, sulla vasta ed oculata scelta dei test valutazionali, alla giusta ricerca del risultato. Sono dell'opinione che NON SI HANNO RISULTATI SENZA UNA CONTINUA VALUTAZIONE, CHE SIANO TEST DA CAMPO O VISIONI IN ALLENAMENTO. TUTTO PASSA PER UNA GIUSTA PROGRAMMAZIONE.

Nessun commento:

Posta un commento