Parliamo la stessa lingua

mercoledì 30 novembre 2011

Coordinazione: "NON SI IMPROVVA UNA SEDUTA, MA SE NE PROGRAMMA A LUNGO TERMINE"

Come qualsiasi altra forma di attività prettamente inerente all'sistema nervoso, anche la coordinazione motoria si sviluppa gradualmente attraverso due fattori importanti: 
- l'esercizio
- l'esperienza
Se il concetto di coordinazione permette di rafforzare l'idea che la gestualità non si sia predeterminata e percio "conservata" in qualche parte del sistema nervoso, risulta chiaro che per un atleta la principale difficoltà che incontra nel perseguire un obiettivo motorio, sia proprio il fronteggiare l'estrema abbondanza di gradi di libertà articolari ai quali, all'inizio di qualsiasi apprendimento, il controllo centrale non riesce a contrapporsi.
"DA TEMPO SEGUENDO L'ESEMPIO DI COLLEGHI AUTORI DI TRATTI DI LETTERATURA, E AFFIANCATO ALLA FISIOLOGIA E ALLE FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO, HO ADOTTATO NELLE MIE SEDUTE E NEI MIEI MESOCICLI, SEDUTE SULLA COORDINAZIONE CHE ABBANDONANO LE VECCHIE MANIERE, STILI ANNI '90 E MIRATO SEMPLICEMENTE A SCARDINARE LE IMMAGINI MOTORIE CHE IL NOSTRO CERVELLO RICEVE, IMMAGAZZINA E METABOLIZZA, METTENDOLE POI IN PRATICA. FORMULA NUMERO UNO: FACCIO SEMPRE VEDERE AI MIEI ALLIEVI IL GESTO MOTORIO, PIU' CORRETTAMENTE POSSIBILE, PERCIO' FEEDBACK VISIVO, CERCANDO DI RIVEDERLO IN MODO PIU' APPROPRIATO.
QUINDI MEZZI COME: SPEED LADDER, TAPPETINI ELASTICI, BOSU, E INSTABILITA' VARIE, MISCELATE A PREATLETICI E GESTO TECNICO, SONO I PRINCIPALI CAVALLI DI BATTAGLIA CHE UTILIZZO NELL'AMBITO DELLA CAPACITA' COORDINATIVA.
Equilibrare e miscelare un buon allenamento sulla coordinazione non ha da programmare una singola seduta. Secondo me, è troppo poco dedicare alla coordinazione un singolo allenamento (10' minuti? ) e poi riproporlo tra due o tre settimane, il nostro sistema nervoso cosi non riesce a completare la "Fase di liberazione" (ne parlerò nel prossimo post della coordinazione). E' importante creare, mesocicli di allenamento che diano effetti, valutare i ragazzi ad inizio stagione e poi riproporre questi test a metà anno, e come per prassi: CI SIAMO MIGLIORATI? SE SI COME?, ABBIAMO ATTUATO LE GIUSTE INFORMAZIONI AL CERVELLO?. 
"CHIEDIAMOCI SEMPRE COME AVVIENE, PERCHE' DETERMINATE COSE NON SUCCEDONO, SIAMO SEMPRE CURIOSI DI CAPIRE COME AVVIENE UN APPOGGIO, E SE E' TUTTO MERITO DI CIO' CHE INSEGNAMO O CHE IL NOSTRO SISTEMA NERVOSO GIA' CONOSCE? IO PARAGONO IL SISTEMA NERVOSO (parte dedita all'atto motorio) AD UN PC CON UN HARDISK DI 0 GB UTILIZZATI... VERGINE.. PRONTO A PRENDERE INFORMAZIONI, OVVIAMENTE UNA BUONA COORDINAZIONE PORTA AD ESSERE MENO PREDISPOSTI ALL'INFORTUNIO. (dati alla mano del congresso Isokinetic 2010, il 71% degli infortuni ai mondiali disputati in SudAfrica hanno portato la firma su una scarsa capacità di appoggi e di capacità coordinative.

Nessun commento:

Posta un commento